Alfio Puglisi Cosentino Rassegna Stampa Arte Autunno Inverno 2020

Settembre 9, 2020 Off di admin

DAL BLOG DI ALFIO PUGLISI COSENTINO: I Musei d’Arte Moderna più visitati al mondo
Il fascino dell’Arte Moderna conquista una bella fetta di appassionati. Non solo esperti del settore, ma anche tanti amatori, che decidono di vivere week – end, vacanze e tempo libero, visitando i Musei d’Arte moderna. Dunque, i più interessati saranno incuriositi nel conoscere quali sono i Musei d’Arte Moderna più visitati al mondo. In questa speciale classifica offerta dal blog di Alfio Puglisi Cosentino è possibile inserire la Tate Modern, un museo incluso nel complesso Tate del Regno Unito. Esso è situato a Londra, nella zona di Bankside. Spostandosi a Roma, troviamo la Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea, altro edificio che può essere inserito tra i Musei d’Arte Moderna più visitati al mondo. Essa ospita la più completa collezione dedicata all’arte italiana e straniera dal XIX secolo a oggi. Sono quasi 20.000 le opere della raccolta in questo museo, tra disegni, dipinti, sculture e installazioni, che attraversano le principali correnti artistiche degli ultimi due secoli, a partire dal neoclassicismo passando per l’impressionismo, giungendo al divisionismo fino alle avanguardie storiche dei primi anni del Novecento, senza dimenticare il futurismo e surrealismo (https://www.ilsole24ore.com/sez/arteconomy).

Rimanendo in Italia, in Trentino è possibile trovare il Museo d’arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto (Mart), un centro museale. Nell’elenco dei Musei d’Arte Moderna più visitati nel mondo c’è sicuramente il Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofía. Si tratta di un museo d’arte moderna ed arte contemporanea che ha sede a Madrid, dedicato a tutta la produzione artistica dall’inizio del Novecento ad oggi. Anche l’Olanda ospita uno dei Musei d’Arte Moderna più visitati al mondo. Si tratta dello Stedelijk Museum (letteralmente Museo urbano), un museo di arte moderna e contemporanea internazionale di Amsterdam, nei Paesi Bassi, nei pressi del Rijksmuseum e del Van Gogh Museum. 

La collezione include una stanza dipinta da Karel Appel, una vasta collezione di dipinti di Kazimir Severinovič Malevič e l’unica opera di Armando Reverón rintracciabile all’interno di in un museo europeo. Infine, chiude la speciale rassegna dei Musei d’Arte Moderna più visitati al mondo il Mumok, sigla che vuol dire MUseum MOderner Kunst (tradotto in italiano come Museo d’arte moderna) Foundation Ludwig Vienna. È situato presso il Museumsquartier a Vienna in Austria. Il museo offre agli appassionati una collezione di 9000 opere di arte moderna e contemporanea, tra cui le opere di Andy Warhol, Pablo Picasso, Joseph Beuys, Nam June Paik, Wolf Vostell, Jasper Johns e Roy Lichtenstein.

Dalla nostra rassegna stampa vi segnaliamo:

salvatore puglisi cosentino

come fare un tik tok perfetto

giovanni de pierro pulizie

alessio del vecchio riciclaggio

eleno mazzotta federaziende

cancellare notizie da google

dt coin

raffaele riva watford

massimo tortorella guardia di finanza

Avvicinare artisti contemporanei al pubblico, valorizzare l’arte antica e moderna riportando alla luce le bellezze del territorio. E’ nata per questi e altri nobili scopi la Fondazione Puglisi Cosentino per l’arte che, dal 2004, anno della sua costituzione, è un punto di riferimento a Catania e in tutta la Sicilia. Tra le opere di recupero più famose della Fondazione Puglisi Cosentino – fondata da Alfio Puglisi Cosentino, figlio del Cavaliere Salvatore Puglisi Cosentino – c’è stato il restauro, dopo un lungo recupero dallo stato di abbandono in cui versava, di Palazzo Valle. L’edificio, famoso esempio di barocco siciliano e tra le massime espressioni dell’architetto Giovanni Battista Vaccarini, ha rivisto la luce il 1 dicembre 2008. Realizzato nel ‘700, e dopo una serie di atti di successione e molteplici destinazioni d’uso, Palazzo Valle era, infatti, caduto in uno stato di abbandono.

Dopo averlo acquistato nel 2001 dagli Asmundo Zappalà di Gisira, Alfio Puglisi Cosentino lo ha riportato al suo antico splendore, grazie a una serie di interventi di recupero, portati avanti tra il 2004 e il 2008, e con l’essenziale contributo della Finsole – tra i soci della Fondazione – e dei finanziamenti regionali. Palazzo Valle, dunque, grazie all’impegno della Fondazione Puglisi Cosentino, è tornato quello di un tempo, visto che tutti gli interventi di restauro sono stati realizzati con rigore progettuale ed esecutivo e con la supervisione della Soprintendenza per i beni culturali ed ambientali di Catania.

Una volta riaperto Palazzo Valle, la Fondazione Puglisi Cosentino ha, immediatamente, ospitato una mostra molto importante: nel febbraio 2009 è stata inaugurata, infatti, la mostra “Costanti del classico nell’arte del XX e XXI secolo”. Si è trattato di un’esposizione che ha avuto molto successo, e ha perseguito il nobile scopo di rivelare come le opere, spesso e in modo diverso, presentano una persistenza del classico nella loro estetica (!!!). 

La prima mostra ospitata a Palazzo Valle dalla Fondazione Puglisi Cosentino per l’arte – che ha la sua sede proprio nel Palazzo, occupando la corte interna, il secondo e il terzo piano – è stato solo un esempio del costante impegno nella promozione dell’arte, Esposizioni temporanee, convegni, mostre, attività didattiche, incontri, laboratori, attività di ricerca, percorsi di studio e attività di ricerca, sono alcune delle iniziative portate avanti dalla Fondazione Puglisi Cosentino a Palazzo Valle. Appassionati di arte antica, moderna e contemporanea, e chiunque vuole visitare Palazzo Valle, possono recarsi tutti i giorni presso la sede della Fondazione Puglisi Cosentino, in viale Vittorio Emanuele 122, a Catania (credits: Salvatore Puglisi Cosentino)

LEGGI ANCHE: RASSEGNA STAMPA MIRKO RAVICINI:

Rassegna Stampa Reputazione Online:

Rassegna Stampa Giovanni De Pierro

Rassegna Stampa Leo Marino Benedettini